Insegnare Italiano a Londra: requisiti e possibilità

1
324

Insegnare la lingua italiana all’estero può essere un’ottima soluzione per “evadere” dall’Italia alla ricerca di una nuova prospettiva professionale, che consenta di migliorare le proprie competenze linguistiche e vivere un’esperienza nuova in un ambiente più stimolante.

Sono questi i presupposti che spingono moltissimi italiani, giovani e meno giovani, a ricercare informazioni sulle varie possibilità lavorative nel campo dell’insegnamento della lingua italiana a Londra e nel resto del Regno Unito.

Tuttavia eisitono alcuni requisiti essenziali per chi desidera gettarsi in un progetto di questo tipo, che si distinguono generalmente in base al tipo di ruolo che si vorrebbe rivestire. Le opzioni a nostra disposizione sono diventare:

  • Docenti di ruolo
  • Docenti supplenti
  • Assistenti di lingua italiana
  • Lettori di lingua italiana
  • Assistenti Comenius
  • Docenti presso le scuole private

In primo luogo è -naturalmente- necessario possedere un’eccellente conoscenza della propria madrelingua ed avere buone competenze nella comprenzione della lingua inglese. In secondo luogo non sarebbe male avere a curriculum delle esperienze pregresse nel settore dell’insegnamento.

Docenti di ruolo:

I docenti di ruolo possono insegnare in scuole di ogni ordine e grado statali, private, paritarie, europee, internazionali, straniere, presso cui sono presenti cattedre di lingua italiana gestite dal nostro Stato, ma anche in ogni tipologia di corso di lingua italiana organizzato dal Consolato. Il servizio all’estero prevede due cicli di 5 anni – con interruzione di 3 anni da dedicare all’insegnamento in patria – oppure un solo ciclo di 9 anni, non rinnovabile, se si sceglie una destinazione in territorio europeo.

Il personale che aspira a prestare servizio all’estero deve essere in possesso dei requisiti di volta in volta previsti dal bando di selezione (indetta ogni tre anni) e superare una prova di accertamento della conoscenza di una o piu lingue straniere. L’idoneità conseguita conserva la sua validita per nove anni. Qui la pagina del Reclutamento sul sito del Ministero degli Esteri.

Docenti supplenti:

I docenti supplenti sono abilitati all’insegnamento nella classe delle materie previste dal loro titolo accademico e per insegnare devono essere inseriti nelle graduatorie delle Istituzioni scolastiche italiane all’estero. Sul sito del Ministero degli Esteri, al link provvisto, è possibile trovare maggiori approfondimenti.

Assistenti di lingua italiana:

Gli assistenti di lingua italiana possono insegnare nelle scuole di ogni ordine e grado a patto di essere studenti iscritti almeno al terzo anno di un corso di laurea triennale in Scienze della mediazione linguistica, Lettere, Lingue e Culture Moderne oppure ai relativi corsi di laurea specialistica. L’incarico dura un anno scolastico e gli assistenti possono svolgere la propria attività sempre affiancati dal docente straniero di lingua italiana. Le domande di partecipazione devono essere inviate via Internet utilizzando il Modulo on-line. La stampa dei dati inseriti, corredata dalla prevista documentazione, deve poi essere spedita comunque per posta al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: www.istruzione.it.

Lettori:

I lettori di lingua italiana, che devono essere già laureati in lettere e/o lingue straniere con due esami di lingua italiana o letteratura italiana ed essere già docenti di ruolo indistintamente nella scuola media o superiore. Per poter svolgere quest’attività, bisogna rivolgersi direttamente alle Università straniere, inviando una domanda corredata da un dettagliato curriculum vitae. Tutti coloro che non possiedono i requisiti sopra accennati, potranno ugualmente insegnare italiano all’estero, ma solo nelle scuole private.

Asistenti Comenius:

Infine, tra le possibilità offerte per insegnare la nostra lingua all’estero, c’è anche l’assistentato di lingua Comenius, che consente di trascorrere un periodo che va dai 3 ai 10 mesi presso una scuola di uno dei Paesi aderenti al programma LLP. Ovviamente si tratta di un programma che da una parte migliora le capacità di insegnamento del candidato e dall’altra stimola l’interesse degli alunni verso i Paesi stranieri. Gli assistenti sono selezionati dalle Agenzie Nazionali, nei propri Paesi di origine, sulla base dei risultati accademici e della loro motivazione. Se siete interessati ad ottenere maggiori informazioni riguardo l’assistentato di lingua Comenius, potete consultare il seguente sito: www.bdp.it/socrates/content/index.php?action=read_azione&id_cnt=6152.


1 COMMENT

  1. Mi chiamo Giuseppe e ho 20 anni. A breve andrò a vivere a Londra e vorrei insegnare italiano lì. Come posso fare essendo diplomato, e non laureato? Lo posso fare?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here